Poesia E Verità - Contenuto

Nella premessa, Goethe indica l'occasione che ha dato origine alla sua autobiografia: la lettera di un suo amico, di cui non rivela il nome, il quale, avendo esaminato l'opera poetica di Goethe in 12 volumi, invita il poeta a indicare le circostanze nelle quali erano state composte le singole opere. Come peraltro il titolo fa intendere, Goethe riconosce, nella vita di ciascun individuo del suo tempo e quindi anche nella propria vita, un cammino esemplare e istruttivo anche per gli altri, affermando quindi la coincidenza fra poesia e verità: Goethe ricostruisce la sua vita e la sua attività sulla base di ricordi personali, di testimonianze epistolari, dei ricordi degli amici (in particolare, di Friedrich Wilhelm Heinrich von Trebra, Karl Ludwig von Knebel, e Johann Friedrich Heinrich Schlosser, e dall'esame di quanto sua madre aveva raccontato a Bettina Brentano von Arnim. Dal primo a metà del sesto libro Goethe descrive gli anni dell'infanzia trascorsi nella casa paterna, a Francoforte; descrive i rapporti familiari (il padre Johann Caspar, dotto, pedante e rigoroso, la madre Catharina Elisabeth di temperamento gioviale e vivace; la sorella Cornelia, poco più piccola di lui, essendo nata nel 1750); i primi studi (le lingue straniere, il Vecchio Testamento); le amicizie, il primo amore (una bambina di nome Gretchen); i rapporti con il mondo esterno (Guerra dei sette anni durante la quale i Goethe dovettero ospitare il conte francese de Thorane; l'incoronazione a Francoforte di Giuseppe II a imperatore del SRI). Dalla seconda metà del sesto libro all'undicesimo libro, Goethe narra la sua adolescenza e la prima giovinezza: gli studi di giurisprudenza e di letteratura all'Università di Lipsia; l'amore per l'arte e la cultura classica e successivamente per la chimica; le prime amicizie con giovani intellettuali tedeschi; l'assistenza ricevuta da Susanna Klettenberg, un'amica di famiglia pietista, durante un grave malattia; il trasferimento all'Università di Strasburgo per lo studio del diritto e della medicina; l'incontro con Herder che diventerà suo amico e mentore; i viaggi in Alsazia-Lorena; la scoperta delle opere di Shakespeare; la laurea in giurisprudenza; l'amore per Friederike Brion; il ritorno a Francoforte (nel 1771) Dal dodicesimo libro in poi il poeta tratta della prima età matura, descrive la cultura dello Sturm und Drang, le sue prime composizioni e i suoi primi successi (il Götz von Berlichingen e il Werther); il viaggio lungo il Reno con Lavater e Basedow; l'influenza di Spinoza; i piani per un Maometto, un Ebreo errante e un Prometeo, l'amore per Lili Schönemann: il viaggio in Svizzera; la composizione dell'Egmont. L'autobiografia termina con la sua attesa, a Francoforte, del giovane granduca di Weimer; poiché costui tuttavia ritarda, Goethe decide di partire improvvisamente per la Svizzera; si reca perciò ad Heidelberg, dove trascorre la notte, finché al mattino sente sotto le finestre dell'albergo il postiglione mandato dal granduca per richiamarlo.


Questi articoli potrebbero anche essere interessanti per te:

Poesia e verità - Sommario
Poesia e verità - Struttura
Poesia e verità - Contenuto
Poesia e verità - Critica
Poesia e verità - Edizioni
Poesia e verità - Altri Progetti
Poesia e verità - Collegamenti Esterni


Trova più articoli →

Questo testo è concesso in licenza in base alla licenza Creative Commons Attribution-Share-Alike 3.0. Maggiori informazioni / autori